TRENTA BICI ELETTRICHE IN USO AI DIPENDENTI DEL COMUNE DI PALERMO

Posted on:News
BICI-DUCATI

Martedì 20 settembre, nell’ambito della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, il Comune di Palermo ha presentato il progetto “E-bike 0“, programma per la sperimentazione presso i Comuni italiani del prototipo di bicicletta a pedalata assistita ad alto rendimento e ad emissioni zero.  A seguito dell’Accordo Programmatico sottoscritto il 14 novembre 2011 tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (A.N.C.I.) e Ducati Energia S.p.a., è stata avviata la sperimentazione presso diversi Comuni italiani del prototipo di bicicletta ad alto rendimento e ad emissioni zero sviluppato da Ducati Energia.  Il Comune di Palermo, vincitore della gara indetta dal Ministero dell’Ambiente, affiderà trenta biciclette elettriche (“e-bike 0″) in uso esclusivo ad altrettanti dipendenti comunali prestanti servizio nei tre siti dove sono state installate le rastrelliere (Polo Tecnico in via Ausonia, Ufficio Ambiente in via dello Spirito Santo e Comando della  Polizia Municipale in via Dogali n. 29) per gli spostamenti casa – lavoro ed i compiti di istituto (sopralluoghi, trasporto posta, controllo su strada da parte della Polizia Municipale, svolgimento di mansioni varie all’esterno della propria sede lavorativa).  L’Amministrazione Comunale di Palermo da tempo, nell’ambito del welfare aziendale, ha avviato percorsi di conciliazione tra spazi di vita e di lavoro, con l’obiettivo del miglioramento delle condizioni lavorative e personali dei propri dipendenti, e ciò in connessione con le tematiche del sostegno alla mobilità sostenibile.  L’intervento è in linea con le azioni previste dal Piano Strategico per la Mobilità Sostenibile (2007), dal Piano Generale del Traffico Urbano (2013), e dal Piano di Azione per L’Energia Sostenibile (PAES) del  Patto dei Sindaci (2015), strumenti di pianificazione comunale i cui obiettivi principali sono la riduzione del traffico veicolare e dell’inquinamento atmosferico. Uno dei temi affrontati da tali strumenti è infatti quello della mobilità alternativa, divenuto fondamentale nella fase attuale di imminente implementazione di un’altra misura importante, la creazione della zona a traffico limitato nel centro cittadino. In quest’ottica, uno dei mezzi più “smart” è senz’altro la bicicletta elettrica a pedalata assistita che non ha limiti di circolazione, è ecologica ed economica (abbattimento dei costi del carburante del bollo e dell’assicurazione) e, rispetto alla bicicletta tradizionale, permette spostamenti più lunghi riducendo lo sforzo fisico necessario.