A NO SMOG MOBILITY SI DISCUTERA’ ANCHE DI MOBILITA’ URBANA. PER LA QUALE PALERMO E’ INSERITA IN DUE AMBIZIOSI PROGETTI

Posted on:News
arton246-5526a

Si discuterà anche di mobilità urbana e delle relative buone pratiche da condividere fra le città e gli altri livelli di governo, in occasione della sesta edizione di “NO SMOG MOBILITY”, in programma il 6 ed il 7 Ottobre presso l’Università di Palermo. Argomento che la Giunta comunale di Palermo ha già preso in considerazione, deliberando nei giorni scorsi l’adesione del capoluogo siciliano al Progetto “CityMobilNet” ed al progetto “Interactive Cities”. Entrambi fanno parte del programma europeo URBACT III che ha l’obiettivo della condivisione di conoscenze e buone pratiche tra le città e gli altri livelli di governo al fine di migliorare la capacità delle città di gestire le politiche e pratiche urbane sostenibili in modo integrato e partecipativo elaborando ed implementando strategie e piani d’azione sostenibili nelle città. La richiesta di adesione di Palermo (unica città in Italia) al network “CityMobilNet” è stata inviata dalla Città di Bielefeld, Germania. Il progetto affronta il tema della mobilità urbana sostenibile attraverso l’adozione dei PUMS (Piani di Mobilità Urbana Sostenibili) e mira ad adattare il concetto di PUMS alle condizioni locali e all’approccio peer-to-peer per l’apprendimento reciproco e lo scambio di know-how tra le città partner. Obiettivo principale di CityMobilNets è quindi quello di consentire ai propri partner di costruire capacità e conoscenze per lo sviluppo co-produttivo di piani di mobilità urbana sostenibile supportando le città nella per creazione di visioni comuni, obiettivi e insiemi di misure, con il coinvolgimento e la partecipazione attiva degli stakeholders locali, al fine di gestire il futuro sviluppo dei territori di riferimento.

L’Ufficio Fondi Extracomunali dell’Area Amministrativa della RUI ed il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Palermo hanno siglato un Accordo di collaborazione tecnico scientifica propedeutica alla partecipazione dell’A.C. al programma URBACT III. Oltre alle città di Bielefeld (capofila) e Palermo fanno parte del network Slatina ROMANIA Sud-Vest Oltenia Olt, Székesfehérvár HUNGARY Közép-Dunántúl Fejér, Braga PORTUGAL Norte Cávado, Morne-a-l’Eau FRANCE Guadeloupe Guadeloupe, Roads and Greenaries in Gdańsk Infrastructure and (public) service provider POLAND Pomorskie Trójmiejski, City of Zadar (Grad Zadar) CROATIA Jadranska Hrvatska Zadarska županija, SOUTH EAST REGIONAL COMMITTEE Regional Public authority MALTA Malta, Burgos SPAIN Castilla y León Burgos, Ag. Anargyroi & Kamateron GREECE, Metropole Aix Marseille Provence France Provence-Alpes-Côte d’Azur Bouches-du-Rhône. Per quanto riguarda l’adesione di Palermo al Network “Interactive Cities” la richiesta è giunta dal Comune di Genova. Il progetto, in questo caso, affronta il tema della mobilità urbana attraverso la gestione diretta della comunicazione mediante l’utilizzo dei social media digitali al fine di migliorare la gestione urbana nelle città europee, indipendentemente dalla loro dimensione. Tale sfida viene affrontata in due modi. In primo luogo, come
occasione per ridefinire e approfondire il concetto di cittadinanza e l’impegno civico oggi, fornendo un percorso di dialogo volto a suscitare la coesione, quale valore condiviso al fine di aumentare il senso di appartenenza al proprio territorio. In altre parole, sfruttando i nuovi canali per rivisitare il rapporto tra l’individuo e la comunità locale nell’era digitale. In secondo luogo, come modalità per migliorare la qualità dei servizi pubblici, in termini di efficienza e trasparenza, ed anche implementare il servizio fornito allo stato attuale dalle autorità locali. “Interactive Cities” mira ad esplorare come il dialogo e lo scambio di idee generato dagli utenti tramite l’uso del digitale e dei social
media possano  migliorare oggi la gestione della comunicazione ai fini della mobilità urbana sostenibile. Obiettivo principale di  ”Interactive Cities” è quindi quello dell’interazione tra i partner nell’ attività di comunicazione, che costituisce di per se stessa un elemento di apprendimento cruciale in termini di pratiche di comunicazione e strategie. Parallelamente alla creazione di cluster tematici tra le città, le attività di comunicazione seguiranno attraverso la creazione di piani di comunicazione integrata e inclusiva a livello locale tra le città partner. Per questo motivo, la cooperazione nelle attività di comunicazione dovrà essere caratterizzata da elementi comuni, che daranno valore alle peculiarità dei partner e miglioreranno il rapporto tra il tipo di comunicazione ed i temi distintivi individuati localmente.

Con Genova, Partner di progetto e città capofila e Palermo aderiscono Tartu ESTONIA Eesti Lõuna-Eesti, Alba Iulia ROMANIA Centru Alba, Varna BULGARIA Североизточен (Severoiztochen) Варна (Varna, Edc Debrecen Urban and Economic development center (Business support organization) HUNGARY Észak-Alföld Hajdú-Bihar, Murcia SPAIN Región de Murcia Murcia. Liverpool EU Transition regions UNITED KINGDOM Merseyside Liverpool, Ghent BELGIUM Prov. Oost-Vlaanderen Arr. Gent, SEMAEST – Société d’économie mixte d’animation économique au service des territoires (Business support organization) FRANCE Île de France Paris, Community Led Local Development of Lisbon (Interest groups including NGOs) PORTUGAL Área Metropolitana de Lisboa Área Metropolitana de Lisboa e Lausanne Swiss Partner SWITZERLAND Région lémanique Vaud. “Con l’adesione a questi due importanti progetti – hanno dichiarato il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alla  Mobilità, Giusto Catania – la città di Palermo compie un nuovo significativo passo in avanti sul tema della mobilità sostenibile anche attraverso un proficuo e positivo confronto con altre città europee”